Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Condividi su:

Vini di Carmignano

La Toscana è terra di produzione di vini, generalmente piccole coltivazioni scrupolosamente curate. Una nota particolare meritano i vini della zona di Carmignano, conosciuti ed apprezzati fin dal Medioevo e fatti oggetto, già dai Medici, di una protezione legislativa molto simile alle denominazioni di origine controllata di cui godono attualmente.

Nel lontano 1716, il Granduca di Toscana Cosimo III de' Medici emanò un editto storico che conferì a Carmignano il prestigioso status di Denominazione di Origine Controllata (DOC), pioniera tra le prime zone italiane ad ottenere tale riconoscimento. Questo importante passo segnò l'inizio di una lunga tradizione vinicola di eccellenza.

Il Granduca Cosimo III aveva imposto dalla Francia le barbatelle di Cabernet Sauvignon, aveva dettato regole di vendemmia, la denuncia delle uve, la repressione delle frodi e fissato i confini della zona di produzione e le modalità di commercio. Compito attualmente assicurato da un Consorzio che riunisce tutti i produttori. Il brillante Carmignano fatto dai vitigni Sangiovese, Canaiolo, e Cabernet Sauvignon, si distingue per il colore rubino vivace e il delicato complesso profumo. È un vino che accompagna arrosti, cacciagione e formaggi stagionati. Il Barco Reale è invece il fratello minore del Carmignano. Dal sapore intenso e corposo, prende il nome da una riserva di caccia dei Medici. È fatto con uve Sangiovese, Canaiolo nero, Cabernet Sauvignon, piccole dosi di Colorino e Occhio di Pernice e si accompagna con i primi piatti, le carni più delicate e i contorni. Dalle stesse uve rosse, ma con una svinatura precoce, si produce il Vin Ruspo, vino rosato di colore chiaro. Il suo bouquet fragrante con fruttato pronunciato, sapore sapido, fresco, armonico e gradevole è adatto per gli antipasti, i covaccini e il pesce. Ottenuto da uve bianche appassite e invecchiato quasi un lustro nei caratelli, il Vinsanto accompagna dolci e formaggi.

Nel 1990, Carmignano raggiunge il culmine del successo, venendo promossa a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG), la massima classificazione per i vini italiani. Questo titolo prestigioso testimonia la qualità superlativa dei vini di Carmignano e la passione instancabile dei suoi produttori nel preservare e promuovere le tradizioni enologiche secolari.

Per saperne di più

Strada dei Vini di Carmignano e dei Sapori Tipici Pratesi www.stradavinicarmignano.it
Consorzio di Tutela dei Vini di Carmignano www.consorziovinicarmignano.it