Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

rocca-di-montemurlo-edited-ph-faldi
Condividi su:

Rocca di Montemurlo L'epica saga di un maestoso baluardo toscano

La Rocca di Montemurlo si erge maestosa su una posizione dominante nella pianura tra Firenze, Prato e Pistoia, circondata da un incantevole giardino alberato e un bosco di lecci. Fino al 1537, un'imponente cinta muraria con quattro porte racchiudeva il piccolo borgo, che comprendeva una pieve, la sede comunale e le abitazioni. Oggi, si possono ancora ammirare il castello, conosciuto come "Rocca", la sede comunale, la  Pieve di San Giovanni Battista decollato, i resti delle antiche mura e tre porte, di cui solo una è originale.

La struttura conserva l'aspetto di una fortezza, con la sua antica torre merlata, mentre il lato sud dell'edificio presenta una forma insolita ed è realizzato in pietra. Il ponte levatoio originale è stato sostituito da una doppia scalinata, disegnata da Giorgio Vasari il giovane e successivamente modificata durante il XIX secolo, quando la proprietà passò alla famiglia Gherardi di Pistoia. È proprio qui che si svolse la storica battaglia di Montemurlo il 2 agosto 1537, nella quale Baccio Valori, Filippo Strozzi e Anton Francesco Albizi capeggiarono una congiura contro Cosimo de' Medici, ma furono drammaticamente sconfitti. Da quel momento, La Rocca, come gran parte della Toscana, divenne una solida roccaforte medicea.

La Rocca rappresenta una delle quattro fortificazioni che si incontrano lungo il percorso della Via delle Rocche, un sentiero che collega Montemurlo alla Val di Bisenzio. 

Attualmente di proprietà privata, la visita è possibile previo accordo con i proprietari.

Informazioni