Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Rifiuto Accetto

Pulpito di Donatello Turisti in visita

Informati per vivere al meglio Prato

Se siete in cerca del modo migliore per entrare in contatto con Prato e i suoi abitanti, allora vi consigliamo di prestare attenzione alla fitta programmazione di concerti, spettacoli, mostre e altre iniziative che ne scandiscono il calendario. L’ufficio informazioni turistiche di piazza Buonamici è però il primo luogo da visitare: qui trovate tutte le informazioni necessarie per visitare Prato e le sue principali attrazioni, e tutti gli strumenti per farlo, comprese mappe come “Use-It”, una mappa e un veloce compendio di cosa non perdersi in città che ogni anno cambia grafica e contenuti. Rimanendo in ambito istituzionale, sul sito che state leggendo (pratoturismo.it) potete trovare anche un capillare calendario di appuntamenti, eventi speciali, ricorrenze e altre precise indicazioni su come vivere la città.
Se invece siete in cerca di una bussola indipendente sulla vita cittadina, quella bussola è sicuramente “Pratosfera” (www.pratosfera.com), un portale che dal 2013, tra le altre cose, seleziona e promuove il meglio della programmazione culturale in città e tutte le novità legate a ristorazione e intrattenimento.  Un approccio differente, fatto soprattutto di fotografie e in lingua inglese, è rappresentato sicuramente dall’attività della fanpage “Visit Prato”.
Per chi invece non può fare a meno dell’informazione classica, quella della cronaca e della politica per intenderci, troverà tutto quello che cerca su “Notizie di Prato”, il sito di informazione più seguito in città, e sulla pagina dedicata a Prato del “Tirreno”. Mettiamo poi che quando visitate una nuova città amiate acquistare un quotidiano e magari riportarlo a casa. In questo caso, la scelta non può che ricadere sul giornale storico della città, “La Nazione”.