Scelte rapide home page: Accessibilità | Menù principale | Menù secondario | Ricerca | Scopri Prato | News (solo home page) | Eventi(solo home page) | Meteo (solo home page) | Contenuti principali | Credits, termini di utilizzo, copyright, privacy |


PRATO E PROVINCIA

Mappa interattiva di Prato e Provincia

PUBBLICAZIONI

Pratomese

A Prato Febbraio 2018
PDF Febbraio 2018 (1938 KB)

Depliant informativi

Prato è

Prato è
Guida in PDF (2740 KB)

Area archeologica di Pietramarina

  • Masso delle Fate area archeologica di Pietramarina
  • Area archeologica etrusca di Pietramarina

Carmignano

Percorrendo la strada che da Carmignano porta verso Vinci e oltrepassando l'Abbazia di S. Giusto al Pinone, si procede sulla destra dove una carreggiabile conduce ad una zona boscosa, con ampi tratti panoramici per divenire pista forestale e raggiungere la sommità del monte Pietramarina. Questa area, caratterizzata dalla presenza di agrifogli e lecci secolari di grande interesse naturalistico, è stata occupata dagli Etruschi a partire dal VII secolo a.C. Il rilievo è circondato da una cinta muraria (III a.C.), larga circa tre metri, elevata fino a 5-6 metri in alcuni tratti riportati alla luce. All'interno sono in fase di scavo due grandi edifici di età ellenistica, sorti sui resti di un probabile complesso sacrale del VI-VII secolo. Sul margine nord-occidentale dell'area, è il noto Masso del diavolo, affioramento roccioso monolitico con gradini e incisioni, forse antichissimo luogo di culto. La particolare posizione permette di spaziare a 360° sul territorio circostante (il nome "Pietramarina" deriva dal fatto che da qui in giornate particolarmente limpide è possibile vedere il mare).