Scelte rapide home page: Accessibilità | Menù principale | Menù secondario | Ricerca | Scopri Prato | News (solo home page) | Eventi(solo home page) | Meteo (solo home page) | Contenuti principali | Credits, termini di utilizzo, copyright, privacy |


PRATO E PROVINCIA

Mappa interattiva di Prato e Provincia

PUBBLICAZIONI

Pratomese

A Prato Ottobre 2017
PDF Ottobre 2017 (1495 KB)

Depliant informativi

Prato è

Prato è
Guida in PDF (2740 KB)

Itinerario Mediceo

  • Villa Ambra - La Villa Medicea di Poggio a Caiano

I territori dei comuni di Carmignano e Poggio a Caiano furono, fra i diversi possedimenti toscani dei Medici, quelli preferiti da Lorenzo il Magnifico, da Francesco I e dal granduca Ferdinando, ognuno di loro amanti delle belle dimore di campagna, della natura, delle cacce, delle grandi feste nei giardini.
Nel 1473/74 il Magnifico (1440-1492), il più illuminato personaggio della casata, acquistò una "casa da signore" che si trovava a Poggio a Caiano su una piccola altura presso il torrente Ombrone e, in più volte, i vasti terreni circostanti, quasi incolti.

Il progetto del Magnifico prevedeva la trasformazione della casa acquistata in una nuova villa come residenza nobile e centro di una vasta tenuta, seguendo il pensiero architettonico rinascimentale di Leon Battista Alberti, che prevedeva un nuovo rapporto fra edificio e natura.

In questa visione si deve considerare il complesso mediceo di Poggio a Caiano costituito dalla Villa e il suo parco, dalle Scuderie e dalle Cascine di Tavola, oltre ad apprezzare, naturalmente, l'aspetto delle architetture degli edifici e delle opere d'arte in essi contenute. Sempre in tale spaziosità si devono apprezzare le strutture e la sistemazione dei terreni coltivati dell'azienda agricola annessa. Si avrà così la possibilità di valutare l'importanza della genialità innovativa del Magnifico e dei suoi architetti.

L'altra gran villa medicea d'Artimino fu fatta costruire dal granduca Ferdinando I (1549-1609) sul colle omonimo alla fine del Cinquecento. Anche in questo caso l'imponente edificio è legato al territorio essendo al centro del Barco Reale, grandiosa riserva di caccia, curata con grande interesse dal Granduca stesso.