Scelte rapide home page: Accessibilità | Menù principale | Menù secondario | Ricerca | Scopri Prato | News (solo home page) | Eventi(solo home page) | Meteo (solo home page) | Contenuti principali | Credits, termini di utilizzo, copyright, privacy |


PRATO E PROVINCIA

Mappa interattiva di Prato e Provincia

PUBBLICAZIONI

Pratomese

A Prato Ottobre 2017
PDF Ottobre 2017 (1495 KB)

Depliant informativi

Prato è

Prato è
Guida in PDF (2740 KB)

Comune di Prato

Comune di Prato - Piazza del Comune, 2 - 59100 Prato - tel. 0574 18361

Una visita nel centro storico di Prato è d'obbligo e sicuramente non deluderà i turisti che potranno visitare il Castello dell'Imperatore (testimonianza di architettura sveva unica nell'Italia centro-settentrionale), il Duomo dove è conservata la venerata reliquia della Sacra Cintola della Madonna e dove si potranno ammirare gli splendidi Affreschi  di Filippo Lippi recentemente restaurati. Sulla facciata del Duomo si può ammirare il pulpito di Donatello e Michelozzo (originali conservati nel Museo dell'Opera del Duomo) utilizzato per l'ostensione della Sacra Cintola della Madonna (l'8 settembre è la ricorrenza principale, quando si svolge anche il Corteggio Storico). La visita può proseguire verso Palazzo Datini,  Palazzo Pretorio, Basilica di S. Maria delle Carceri di Giuliano da Sangallo, le chiese di S. Francesco e di S. Domenico; in questi edifici e nei musei cittadini Museo di Pittura Murale e Museo dell'Opera del Duomo, sono custodite opere di grandi maestri come Agnolo Gaddi, Paolo Uccello, Filippo e Filippino Lippi, Donatello, Michelozzo e di altri famosi artisti del Trecento e del Rinascimento.
Anche il Seicento, il Neoclassicismo e l'attualità artistica sono ottimamente rappresentati in prestigiose collezioni pubbliche. Da non perdere il Museo del Tessuto, espressione della storia tessile della città, dove sono conservati campioni e documenti dal V secolo ai giorni nostri.  L'edificio che ospita il Museo del Tessuto è un monumento di archeologia industriale, l'unico grande complesso produttivo ottocentesco ancora esistente all'interno delle mura medievali: la "Cimatoria Campolmi Leopoldo e C", fabbrica simbolo della storia produttiva pratese, presso la quale i tessuti allo stato greggio venivano rifiniti attraverso diverse fasi di lavorazione (follatura, garzatura, cimatura, calandratura).  Il museo, oltre ad organizzare mostre tematiche, eventi, convegni e altre attività che permettono al pubblico di avvicinarsi alla produzione tessile, ha anche una importante Sezione Didattica che elabora ogni anno iniziative rivolte agli studenti di ogni fascia di età. Di recente istituzione è il Museo di Scienze Planetarie,  particolarmente vocato alla didattica e alla divulgazione, alla ricerca scientifica e alla conservazione del materiale presente nelle collezioni. La finalità del museo è quella di trasmettere al visitatore le conoscenze scientifiche più avanzate in discipline quali l'astronomia, la planetologia, la geologia e la mineralogia.  Il Museo effettua  delle visite guidate  ma solo su prenotazione. Altra nota di eccellenza  è rappresentata dal Centro per l'Arte Contemporanea "Luigi Pecci",  costruito su progetto dell'architetto razionalista fiorentino Italo Gamberini, il centro fondato nel 1988,  è attivo a livello internazionale con un'ampia programmazione di mostre temporanee, attività didattiche, di documentazione e informazione, spettacoli ed eventi multimediali. Dispone di un'importante collezione permanente composta da opere dei maggiori artisti degli ultimi 30 anni. All'esterno del Museo la città è arricchita da opere di godimento pubblico che si trovano nel contesto urbano, lungo le mura, e sul territorio, la più nota è la "forma squadrata con taglio"  di Moore nella Piazza San Marco.